.
Il nuovo eBook
Roma
tagliata male

La prima inchiesta completa sulla droga nella Capitale
La campagna
#agrovirus
Basta sfruttamento nei banconi dei supermercati
Firmate la petizione
Corso online
HTML5
Promo 10 posti a 69 € anziché 99 €
2 posti rimasti!
Tutto il catalogo a 9 euro
Tutti i nostri libri elettronici
in un solo file zip a prezzo scontato, in formato PDF o ePub
Chi siamo Archivio Autori Campagne Fotostorie Video Infografiche Podcast
Diari Corsi Servizi SED terrelibere.org Catalogo eBook Presentazioni Recensioni Racconti
terrelibere.org > libreria > e-book > Gli africani salveranno Rosarno. Seconda edizione
   
Puoi pagare con: telefono cellulare, carta di credito/Postepay/Paypal, conto corrente postale, bonifico bancario
Acquista e leggi
in 2 minuti
PDF (€ 3.99)   Mobi (€ 3.99)   ePub (€ 3.99)  
Lo puoi acquistare anche su: Hai iPad? Vai su Apple StoreiBooks Hai Kindle? Vai su AmazonAmazon Kindle   Feltrinelli   IBS  

Gli africani salveranno Rosarno. Seconda edizione

Pagine: 112
Editore: terrelibere.org
Anno: 2012

E-book

stats 8549 letture

Isbn ISBN: 9788898114054

tag Tag: rosarno

Presentazioni

Gli africani salveranno Rosarno. Seconda edizione

E, probabilmente, anche l`Italia

Non c’è un posto in Italia come Rosarno, che come Rosarno riassuma i drammi e le contraddizioni della nostra epoca. Dall’economia globale a quella criminale, dalla mafia alle migrazioni. Incontreremo lavoratori marginali inseriti in un contesto mafioso moderno ed arcaico, le leggi razziste che producono marginalità fino al lavoro servile. E una terra per nulla immobile, raccontata da Giuseppe Lavorato: dalla grande stagione dell’occupazione delle terre all’omicidio Valarioti fino alle lotte di massa contro la mafia.

“Assai necessario da leggere, con un titolo in cui credo molto`. Roberto Saviano, Repubblica

“Un livre passionnant et prémonitoire`. Marcelle Padovani, Le Nouvelle Observateur

“A good description of migrant farm workers` conditions`. - Vittorio Longhi, The Guardian

“Un libro prezioso. E` vero dunque: gli africani salveranno Rosarno e forse l`Italia`. Barbara Spinelli, La Stampa

***

Prefazione di Valentina Loiero

Introduzione di Giuseppe Lavorato

***

La paura cambia indirizzo. Il comunicato stampa

Perché questa seconda edizione aggiornata? Perché rispetto alla prima mancano tante vicende (i fatti di Rosarno e le loro conseguenze). Ma soprattutto per provare a correggere un immaginario collettivo profondamente sbagliato.

 Per i media e dunque per il senso comune, Rosarno è la metafora di una bomba pronta a esplodere ovunque ci siano tensioni tra immigrati e italiani. Per noi è la speranza: anche un luogo estremo e senza luce può innescare processi di cambiamento se viene contaminato da mentalità differenti. “Luoghi-mondo che non si incontrano`, li ha definiti Stefano Boeri, architetto del Politecnico di Milano, che ha promosso progetti visionari (e ignorati) per valorizzare le potenzialità della Piana e la presenza dei migranti. Insieme ai suoi studenti provenienti da tutto il mondo è stato l`unico a non considerare Rosarno come un “problema` da risolvere.

In Italia infatti la raccolta dei pomodori (o delle arance o delle patate) si affronta abitualmente con gli strumenti dell`emergenza umanitaria: container e tendopoli. Perché non cominciare dalla questione sindacale? La povertà estrema dei braccianti dipende dai salari bassi e da una filiera malata.

***

Dopo il ferimento di due lavoratori della Costa d`Avorio, gli africani di Rosarno si ribellano. E` il 12 dicembre 2008. Il loro gesto segna il confine tra la rassegnazione e la protesta, tra il consueto e l`inaccettabile.

Non sono i cittadini italiani a trovare il coraggio della rivolta civile, ma quelli che la televisione e i politici chiamano “clandestini`. Rosarno è uno dei tanti paesi agricoli del Meridione dove gli immigrati sono sfruttati, sottopagati, umiliati. Ma è anche l`unico dove, dal 1992, sono vittime di sconcertanti episodi di violenza.

La popolazione è oppressa da un sistema mafioso fatto di narcotraffico intercontinentale e arcaismo brutale, boss rapinatori, violenze quotidiane.

La storia della Piana è però molto contraddittoria, e ha vissuto momenti eroici, anche recenti, di lotta al latifondo ed alla mafia. L`esempio degli africani, che rifiutano il fatalismo fino dal momento della partenza, indica a tutti gli italiani una possibile via di salvezza...

Indice del volume

Prefazione. “Cari fratelli rosarnesi...” di Valentina Loiero 

La paura cambia indirizzo 

Cronologia. La lotta degli africani contro la mafia e lo sfruttamento 

Introduzione. Questa non è una terra immobile di Giuseppe Lavorato 

“Noi saremo ricordati”. La seconda rivolta

Piombo nella pancia 

“Avoid shooting blacks” 

Non si toccano le donne 

Destra estrema e vittimismo 

L’uomo nero 

La prima rivolta 

Una corale partecipazione 

Vado a correggere la fortuna 

Fermati dallo Stato 

Vergogna per l’umanità 

“Clandestini” si diventa 

Ma i clandestini non esistono 

Poverissimi in un mare di soldi 

Dormire nei silos per l’olio 

L’antimafia degli africani 

Una strage di... italiani 

Oltre lo sfruttamento, il razzismo mafioso 

Giovani, ignoranti e armati 

Ai margini dell’illegalità 

La mafia più pazza del mondo 

La vittima è il colpevole 

Estranei in casa nostra 

L’economia delle arance

Filiera mafiosa 

Alternative esistenziali 

Sruttati, tollerati, criminalizzati 

Bibliografia

Recensioni e segnalazioni (5)


Torna su Torna su
Home page  |  Mobile  |  Corsi  |  Video  |  Autori  |  Archivio  |  Mailing list  |  Contatti
Creative Commons License Copyright. Tutti i contenuti del sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons
Questo sito non ha carattere di periodicita' non essendo aggiornato con intervalli regolari. P.IVA 02977070834
made by liotren.com Hosting Linux, CMS e applicazioni realizzate da Liotren.com