.
Il nuovo eBook
Giro di Sicilia
con nove artisti pazzi

Una sorprendente guida sull'isola outsider
Osservatorio braccianti
Mappa. Migranti e sfruttamento
Basta sfruttamento
Firmate la petizione
Corso online
HTML5
Promo 5 posti a 69 € anziche' 99 €
4 posti rimasti!
Tutto il catalogo a 9 euro
Tutti i nostri libri elettronici
in un solo file zip a prezzo scontato, in formato PDF o ePub
Chi siamo Archivio Autori Campagne Fotostorie Video Infografiche Podcast
Diari Corsi Servizi SED terrelibere.org Catalogo eBook Presentazioni Recensioni Racconti
terrelibere.org > libreria > libri > Un posto civile
   
Puoi pagare con: telefono cellulare, carta di credito/Postepay/Paypal, conto corrente postale, bonifico bancario
Acquista e leggi
in 2 minuti
PDF (€ 5)  
  Feltrinelli   IBS  

Un posto civile

Pagine: 104
Editore: terrelibere.org
Anno: 2008

Libri

stats 22499 letture

Isbn ISBN: 9788890381706

tag Tag: sigonella

Presentazioni

Un posto civile

Sette ottime ragioni per riconvertire la base USA di Sigonella

Una installazione gigantesca, la più grande base US Navy del Mediterraneo, una città autonoma che minaccia la vita di milioni di persone, blocca lo sviluppo dell’aviotrasporto civile e - soprattutto - trasforma la Sicilia in una base per i massacri presenti e futuri, secondo le strategie tracciate dai “neocons” USA. I siciliani non hanno diritto di conoscere quali rischi corrono, meno che mai di sapere a che titolo gli statunitensi hanno deciso di soffocare il loro sviluppo e coinvolgerli nelle guerre di aggressione.

Se ieri la base “portava lavoro`, oggi regala solamente allarme ed insofferenza. Il confronto tra benefici apportati e costi -  leucemie ed incidenti compresi - che il territorio deve sopportare è persino imbarazzante. La riconversione non è solo una scelta di pace, è anche l`unica opzione possibile.

"g>Ma molto dipende dall`Europa..." - Presentazione di Francesca Longo, docente di Politica dell`Unione Europea all`Università di Catania

Sette motivi per riconvertire Sigonella

MOTIVAZIONI ETICO - POLITICHE

1.             La difesa della vita

Il tema della pace e la contrapposizione alla cultura militare della distruzione e della morte sono ancora patrimonio di milioni di persone in tutto il mondo. Le continue scelte di compromesso dei partiti della sinistra hanno indebolito in Italia la forza che solo qualche anno fa il New York Times definiva “the second superpower`.

Negli ultimi anni, anche il mondo cattolico tende a parlare di difesa della vita solo a proposito di embrioni e cellule, tacendo troppo spesso sul tema storico della pace.

2.            La guerra permanente

Il “Progetto per un nuovo secolo americano` ha definito la strategia dei conservatori USA - di cui l`amministrazione Bush è espressione diretta - di creazione artificiale del nemico (“axis of evil`) e di guerra permanente (“war on terror`), inventando pericoli fittizi come le “mass destruction weapons` dell`Iraq, al fine di favorire il complesso militare - industriale e proteggere le risorse energetiche.

Accettando la presenza e l`ampliamento delle basi USA in Italia si collabora a questa strategia folle che ha già prodotto le tragedie dell`Afghanistan e dell`Iraq.

MOTIVI GIURIDICI

3.            Sovranità nazionale

La sovranità del territorio di Sigonella è formalmente italiana. La base USA è “ospite` della nostra aeronautica in base ad accordi diretti tra governi, una sorta di “diplomazia segreta` del tutto incostituzionale.

4.            Costituzione repubblicana

La Costituzione della Repubblica Italiana impedisce la partecipazione a guerre che non siano difensive. Ogni azione di guerra che vede coinvolta la base di Sigonella, così come le altre installazioni USA sul territorio, viola la legge fondamentale del  nostro Stato.

MOTIVI ECONOMICI

5.            Bilancio costi-benefici e progetto di riconversione

La tendenza sempre maggiore ad essere “città autonoma` - con scarsi contatti col territorio - riduce i benefici economici per le province di Catania e Siracusa, mentre sono sempre più alti i costi, per il 41% a carico del contribuente italiano.

Il progetto di riconversione della base ad aeroporto civile permetterebbe la riappropriazione di una fetta importante della Piana di Catania, oltre alla creazione di un polo aeroportuale di rilevo intercontinentale, con grandi benefici per l`occupazione.

SICUREZZA E PRINCIPIO DI PRECAUZIONE

6.            Voli civili e radar

Il radar militare di Sigonella controlla i voli civili del vicino scalo di Fontanarossa; i voli militari del 41.mo stormo; tutti i voli dell`aeronautica USA. Una “servitù militare` incredibile che mette in contrasto le esigenze di segretezza dei militari con quelle ordinarie del traffico civile. La strage di Cagliari, del resto, ne è una tragica dimostrazione.

L`ipotizzata applicazione a Sigonella di “velivoli senza pilota` renderebbe altissimo il rischio di incidente, come ammesso dalle stesse fonti militari italiane.

7.            Incidenti, rifiuti tossici, radioattività e leucemie

Due tra i numerosi incidenti che hanno coinvolto le unità militari USA sono avvenute in territorio di Lentini, nel 1984 e nel 1985. Da allora lì si muore di leucemie e linfomi con tassi più elevati che in ogni altra zona d`Italia.

Da Sigonella decolla un aereo ogni tre minuti. Il porto di Augusta ospita sommergibili a capacità nucleare, a due passi dal polo petrolchimico. Gli incidenti – 13 quelli accertati dal 1975 - sono coperti da segreto, nonostante la sovranità italiana. Possono ripetersi in qualunque momento.


Torna su Torna su
Home page  |  Mobile  |  Corsi  |  Video  |  Autori  |  Archivio  |  Mailing list  |  Contatti
Creative Commons License Copyright. Tutti i contenuti del sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons
Questo sito non ha carattere di periodicita' non essendo aggiornato con intervalli regolari. P.IVA 02977070834
made by liotren.com Hosting Linux, CMS e applicazioni realizzate da Liotren.com